Passa ai contenuti principali

La comunicazione non è mai stata così mobile

📱
📣
Risultati immagini per prodect200

ProDect 200 migliora la mobilità all’interno delle piccole e medie imprese; è ideale per i sistemi full IP e non richiede la presenza di rete elettrica. Espandibile fino a 40 basi e 100 ripetitori, garantisce la copertura anche delle aree più estese, per comunicare in totale libertà.
Tre differenti versioni di terminale garantiscono la soddisfazione di qualsiasi tipologia di utilizzatore. Smart, facile e intuitivo da usare, Business, moderno ed elegante e Industrial, per gli ambienti e gli utenti più difficili.

 Veloce e semplice da installare
5 conversazioni contemporanee
Max 3 ripetitori per Base
100 Ripetitori per sistema
Supporto crittografia DECT
Sincronizzazione/Aggiornamento s/w via radio

Post popolari in questo blog

Problemi con l'adsl domestica? ti spiego, per non averli più, come deve essere il tuo impianto telefonico domestico

Voglio, con questo articolo, lasciare temporaneamente in secondo piano le esigenza e gli eventuali problemi percepiti nelle telecomunicazioni aziendali per dare una mano all'utenza domestica che, quando attiva l'ADSL, ha problemi con essa, per colpa del proprio impianto telefonico. Ad esempio perdite di portanti, che è la velocità con cui siamo collegati, e di sconnessioni quando si riceve una chiamata, o un aumento considerevole dell'attenuazione che è la dispersione del segnale che avviene dalla centrale a casa nostra. Come deve essere un impianto telefonico domestico per l'ADSL? Semplicemente tutte le prese devono essere in parallelo e non ci devono essere impedimenti come fusibili o peggio ancora condensatori. Se hai una sola presa in casa non ci sono problemi; in questo caso attacchi un filtro ADSL, il telefono e il router. Se invece hai più prese in caso sorgono i primi problemi. Perchè con l'ADSl, come ti ho sopra accennato, le prese devono essere in parallelo …

Esempio di realizzazione cablaggio strutturato

Oggi prendiamo in esame un esempio di cablaggio. Ipotizziamo di voler cablare una azienda di medie dimensioni in cui si voglia raggiungere ogni ufficio, laboratorio e magazzino.

Lo stabile che si vuole cablare è costituito da tre piani. Al piano terra è presente il magazzino con un ufficio Al primo piano sono presenti gli uffici amministrativi costituiti da 5 stanze, la sala riunioni, l'ufficio del titolare, tre uffici dei dipendenti. Al secondo piano sono presenti 4 laboratori  Negli uffici dei dipendenti dovranno essere presenti una presa a muro con due connettori RJ45 dove sarà possibile utilizzare la stessa con un PC fisso o portatile ed un telefono. Nell'ufficio del titolare la presa a muro dovrà essere con tre connettori al fine di avere la possibilità di collegare un PC fisso o portatile, un telefono ed una stampante personale. In sala riunioni sarà posizionata una presa a muro con due connettori RJ45 PC e telefono. 

La connessione internet sarà prevista per ogni partizi…

Compressione video, codec JPEG o MJPEG, MPEG-4, H.264 quale scelta?

Nel dimensionamento di un sistema di videosorveglianza bisogna tener ben presente i codec della compressione video. In una telecamera IP sono principalmente tre: Motion JPEG o MJPEG MPEG-4 H.264 Vediamo singolarmente le caratteristiche dei singoli codec: MJPEG si tratta di uno dei primi sistemi di compressione utilizzati nelle telecamere di rete. Con questo tipo di codifica ogni singolo frame del video viene compresso in una immagine JPEG ed inviato verso il server come una sequenza temporale di immagini che lo stesso associa per poi ricreare un video. Questo sistema molto stabile, in quanto la perdita di un frame non pregiudica la ricostruzione finale del video, implica poco lavoro da parte del server ma allo stesso tempo occupa molta banda. MPEG-4 è l'evoluzione dell' M-JPEG ed il percusore dell'H.264 dove, mediante un apposito algoritmo, vengono trasmesse solamente le variazioni dell'immagine. Con questo tipo di compressione si possono avere due tipi di codifica. In un caso…